15 ottobre, il giorno in cui uccisero la libertà

A cura di Andrea Pilati

C’è stato un tempo in cui la televisione di Stato diceva le cose come stanno e in questo documentario ha posto i riflettori sul Presidente della “patria degli uomini integri”, il Burkina Faso.

Thomas Sankara è stato il Presidente del Burkina Faso, tradotto in italiano appunto in “La patria degli uomini integri”. E questo nome da lui scelto in sostituzione del precedente, anonimo, “Alto Volta” datogli dai colonizzatori francesi, ha voluto descrivere le intenzioni di un presidente che, per via della sua coerenza, è andato incontro alla morte per avere fatto valere il suo valore.
Oggi, 15 ottobre, non è l’anniversario della sua morte ma il funerale della libertà per come la conosciamo.

Nel leggere queste righe alcuni penseranno non vi sia nesso tra ciò che è relativo al denaro e ciò che accade da oggi in poi in Italia, ma consiglio di porsi nella stessa condizione di quando il siero di quest’anno ha creato, crea e creerà dei morti.
Nessuna correlazione? O, ancora meglio, di porsi la domanda sul perché è stato suicidato il Dott. De Donno.

Thomas Sankara ha avuto l’ardire di non voler pagare un debito ingiusto con i suoi creditori francesi perché aveva capito molto bene cosa significa avere per le mani del denaro di proprietà privata e la sua decisione ha fatto storia. Ha insegnato cosa significa essere “uomini integri”.

Chiediamocelo anche noi allora:

  • Sono un uomo integro?
  • Sono in grado di fare quello che ho sempre pensato e detto?
  • Sono ricattabile, strumentalizzabile?
  • Sono in grado di lasciare andare ciò che possiedo in difesa della mia dignità?
  • Riconosco di essere, a volte o spesso, mosso da mero opportunismo e tornaconto personale?
  • Agisco, parlo e penso in buona o malafede?
  • Sono in grado di ammettere gli errori e, soprattutto, di accettare che me li facciano notare?
  • Sono onesto nelle risposte?

Ecco, più “Sì” otterremo da questo questionario, maggiore integrità dimostreremo di avere.

Non scordiamoci che da un po’ di tempo è in atto la selezione di coloro che hanno un peso atomico minore e una elevazione spirituale maggiore, di chi investe le proprie risorse e talenti mettendoli disinteressatamente al servizio di chi le richiede. Un corpo sano è tale solo se le cellule che lo compongono collaborano attivamente nelle loro competenze dando il massimo nel miglior modo possibile. Se aspiriamo a costruire il corpo della nuova umanità dobbiamo dimostrare di essere ottime cellule. Solo così ci sarà permesso di farne parte.

E se hanno ucciso la libertà il problema non si pone perché essa è come l’araba fenice; rinascerà dalle ceneri ancora più splendente di prima!

Buona attività ragazzi; comunque vada sarà un sucesso!

5G autismo banche bill gates burioni consapevolezza controllo sociale coronavirus coscienza costituzione italiana covid-19 diritti fondamentali diritto alla resistenza DNA fake news gender global warming green pass ISIS LGBT libertà libertà di scelta manipolazione mediatica mario draghi mario monti mascherina mascherine massimo mazzucco migranti nuovo ordine mondiale obbligo vaccini oms pandemia paura Putin referendum risveglio delle coscienze Russia sara cunial scie chimiche scuola Siria Soros trump vaccini

3 pensieri riguardo “15 ottobre, il giorno in cui uccisero la libertà

  1. Oggi è una data importante anche per questo, in ricordo di Thomas Sankara ❤️ un vero combattente e uomo libero ❤️ Avevo 16 anni allora e ricordo quelle notizie come una scossa di verità che arrivava da un paese molto lontano poi, grazie anche a lui, diventato vicinissimo… 🙂 Sempre vivo Thomas Sankara ❤️⭐️💚

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...