Giornata internazionale della violenza delle donne e di altri generi

A cura di Andrea Pilati

Il 25 novembre è la data fatidica per milioni di donne, rigorosamente femmine, nella quale hanno il loro momento di gloria dove, per ventiquattr’ore, possono manifestare il loro grido di dolore per le violenze subite. E gli uomini, maschi, zitti… Ma basta definirsi di altro genere, diversamente femmine, per approprarsi del diritto di manifestare insieme alle omologhe.

Di fatto così è traducibile il messaggio passato dai megafoni “contro la violenza sulle donne e di genere…”. Quindi di qualsiasi genere.

Manifestazione contro la violenza sulle donne del novembre 2021 – Notare il simbolo “né maschio, né femmina” . Fonte: https://www.dire.it/

Ma inizierei questo articolo facendo notare innanzitutto un’altro genere di violenza, quello grammaticale:

Ecco, da oggi mi auguro che anche nelle scuole di ogni ordine e grado si insegni il nuovo linguaggio, e la nuova grammatica prenda sempre più piede. Facendo bene attenzione all’uso del nuovo fonema, alla faccia della scuola di Atene.

Sarebbe intelligente, a mio dire, considerare invece sempre il linguaggio utilizzato in qualsiasi contesto perchè esso si pone al di là dell’oggetto e del soggetto del discorso, dato che ne contiene la reale intenzione.

Per chiarire ciò che ho appena espresso, in forma pratica, consiglio di ascoltare l’intervento del Dott. Francesco Carraro al convegno organizzato da Nexus edizioni (https://nexusedizioni.it/it/):

E ora, dopo avere ascoltato l’interessante intervento del Dott. Carraro, ecco cosa è successo durante la giornata della pacifica manifestazione femminista… ops, anzi, transfemminista di Roma, contro la violenza sui due indistinti generi:

Questo quanto scrive, a riguardo, Pro-vita e famiglia sul sito di Maurizio Blondet:

L’attacco, registrato dalle telecamere esterne della sede, è avvenuto alle 2:39 di notte, poche ore prima che il collettivo femminista Non Una Di Meno manifestasse a Roma “contro la violenza sulle donne”.

Evidentemente, le donne che lavorano nella nostra sede sono “meno donne”, visto che nei loro confronti la violenza è ammessa.

Il blitz è stato rivendicato dal collettivo femminista Berta Càceres che si definisce uno “Spazio Antifascista e Fronte di Lotta Ecologista contro la violenza del Capitalismo e dell’Etero-cis-patriarcato”

E qui mi chiedo cosa c’entri la lotta ecologista con tutto questo… Misteri del femminismo.

Ma è altresì interesante come tutto questo accada a distanza di pochi mesi dalla fine (?) del periodo di follia sanitaria (siamo quasi al termine dell’anno 1 P.P. – Post-Pandemia) e, come niente fosse, ecco arrivare l’orda delle rivendicazioni dei diritti, quelli delle donne che insultano una donna – “Meloni fascista! – Ti mangiamo il cuore – Noi donne ti farem la guerra”.

(N.d.r. – non abbiamo alcuna preferenza partitica e non vuole questo precedente paragrafo inneggiare alla difesa del Presidente del consiglio. Che per noi rimane “presidente” e non “presidenta”)


Quanta tenerezza, quanta sensibilità d’animo esprimon codeste gentil donzelle in pacifico corteo, nel loro silente incedere, quasi a dimandar, sommessamente, come pe lor virtude sì conviene, l’ascolto del sottil lor gemito d’angustia et dolore a quel governo che le vessa e le contesta


Ma se proprio vogliamo parlare di violenza proporrei di essere obiettivi e ricordare il passato non poi tanto remoto prendendosi poco più di tre minuti per ascoltare il commento di Silver Nervuti, che in questo contesto calza a pennello:

…e poi andare a vedere quello che le VERE, recenti violenze hanno prodotto…

…e chiedersi se c’è qualcuna di queste donne disposta ad andare in piazza a sostenere chi, queste violenze, le ha veramente subite per più di un anno, ingiustamente.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...