L’oscuro Natale

A cura di Andrea Pilati

Tutto quello che accade si manifesta sotto i nostri occhi; che poi non lo vediamo o non lo vogliamo vedere è tutt’altro discorso.

È inevitabile notare il ciclo delle stagioni, l’alternarsi del giorno più lungo di giugno con la notte più lunga di dicembre, tutti gli anni. Ea nulla può il riscaldamento globale, questo ciclo Loro non lo possono cambiare.

Ma a livello spirituale l’alternarsi del giorno e della notte ha un diretto risvolto sulle nostre vite. Basti pensare all’alto tasso di suicidi e depressioni dei quali soffrono i Paesi prossimi all’artico.

Disagio psicologico e suicidi nell’Artico

Infatti, le percentuali dei suicidi in Norvegia, Russia, Canada, Danimarca, Finlandia e Svezia risultano doppie rispetto a paesi che vivono una crisi economica decennale, come Italia e Grecia, quest’ultima con momenti molto traumatici.

Fonte: https://www.osservatorioartico.it/depressione-artico/

Ma senza scomodare la cronaca, se guardiamo al lato spirituale e al significato di “Luce” e “Oscurità” riportandolo al nostro mondo interiore, non potremmo che notare l’assonanza, la similitudine con ciò che accade fuori.

In questo contesto calza a pennello l’acronimo alchemico V.I.T.R.I.O.L.: Visita Interiora Terrae Rectificando Inveniens Occultum Lapidem che tadotto suona così: Visita il tuo mondo interno; correggendolo ritroverai la pietra nascosta.

Ma che significa? Bene, facciamo un gioco: proviamo a fermarci un momento, proviamo a fermare i pensieri, a fare silenzio dentro di noi. Non è semplice, vero? Ecco, questo è il “ciarlare” del mondo dentro, un mondo che possiamo immaginare come fatto di esseri che vivono dentro di noi e fanno ciò che vogliono, fino a quando noi stessi, una volta che ci accorgiamo di loro, li discipliniamo e sottomettiamo al nostro volere. Sono gli esseri che animano il mercato dei pensieri, rumoreggiano per paura del silenzio. Il silenzio è profondo e illumina la mente, che è la casa di quegli esseri. Esseri che hanno timore della luce illuminante del silenzio perchè essi sono quasi sempre alle dipendenze delle forze oscure che abitano anch’esse dentro di noi. Eh, sì, sono in molti lì dentro; tanto c’è spazio.

Se non siamo convinti che le cose stiano così andiamo a leggere cosa affermava un famoso psicoanalista del secolo scorso:

… Non si raggiunge l’illuminazione immaginando figure di luce ma portando alla coscienza l’oscurità interiore – Carl Gustav Jung (1875 – 1961)

Toh, guarda, tutto collima! Ma, allora, se tutto ciò che è dentro di noi è esattamente anche fuori di noi, significa che viviamo dentro un contenitore olografico di messaggi. Un contenitore che crediamo sia la realtà, ma che, invece, non è così come ce lo hanno fatto credere.

È invece un continuo dispensatore di informazioni che sta a noi elaborare.

Scusa, ma cosa c’entra questo con l’oscuro Natale?

Pazienza, ci arrivo…

Dopo il 21 di dicembre, il solstizio di inverno, dove la notte, l’oscurità, occupa la maggior parte del giorno, la Luce riprende la sua ascesa nel mondo esterno, un po’ come l’alba vince le tenebre della notte. E l’eterna lotta tra Luce e Tenebre continua a manifestarsi; così fuori come dentro. Così come nel mondo fuori le Tenebre fanno resistenza a lasciare posto alla Luce, così dentro di noi accade la stessa cosa. Ma questo non avviene solo dopo il 21 di dicembre, ma tutto l’anno, tutti i giorni. Solo che in questa data le energie si amplificano al punto da essere palpabili. La spiritualità data al periodo natalizio nel corso dei secoli, non importa se sia veramente la data della venuta al mondo del futuro Cristo, ha creato una eggregora che coinvolge miliardi di persone, che generano, consapevoli o meno, una onda emotiva. Questa onda è stata quella che ha provocato ciò che è accaduto nelle prime linee del fronte belga-francese, durante il Natale del 1914, e che ha prodotto un ammutinamento tra le due fazioni in lotta tra loro. Al punto di vederli giocare a pallone tra di loro nei giorni seguenti!

Tutta questa energia positiva non piace alla nostra parte oscura; per cui sarebbe intelligente prestare attenzione a questa ondata di Luce, ponendo una lente sopra i nostri movimenti interni, i nostri istinti, i nostri capricci… Sono quelli che quella Luce la vorrebbero spenta perché ha il potere di illuminare i nostri stupidi ed infantili difetti; e questo a loro, prodotti dell’Oscurità, non piace.

È un momento delicato, questo, perché la potenza in azione è molta, da ambo le parti, ed è necessaria molta più concentrazione, attenzione e pazienza per sfruttare al meglio questa occasione; altrimenti si rischia di diventare preda dell’Oscurità senza nemmeno rendersi conto.

Ma per chiunque abbia la volontà e l’anelito di lavorare su di sé per creare un mondo migliore, il proprio mondo, è il momento propizio.

Auguri, quindi, di uscire vincitori da questo periodo… È il miglior regalo che possiamo fare a noi stessi, e che ci rimarrà per l’eternità.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...